Come usare Google Alerts per il marketing (Guida 2021)

Google Alert è uno strumento molto semplice ma utilissimo per monitorare costantemente le novità della rete individuate dal più potente motore di ricerca al mondo.

Con questo tool possiamo impostare degli alert, degli avvisi su nuovi contenuti relativi ad uno specifico argomento e ci verranno notificati via email.

google alerts

Per cosa possiamo utilizzarlo:

  • per monitorare tutti i nuovi contenuti che parlano del nostro brand o della nostra azienda, per esempio se inseriamo "Tesla" riceviamo tutte le novità pubblicate ed individuate dal motore di ricerca che citano Tesla. Di fatto è uno strumento gratis per analizzare il sentiment di un brand
  • per monitorare i concorrenti, in modo da conoscere tutte le loro comunicazioni, le operazioni e novità lanciate sul mercato
  • per conoscere nuovi articoli e materiale su un tema specifico, per esempio relativo all'intelligenza artificiale, il digital marketing, ecc...
  • per monitorare le novità relative ad un personaggio pubblico di nostro interesse, per esempio Elon Musk
  • per ricevere le notifiche su aggiornamenti all'interno di un sito (in quest'ultimo caso consiglio se possibile di usare un feed reader come feedly)
  • per il SEO, per conoscere chi ci menziona (oggi sappiamo che anche le menzioni hanno un impatto sul ranking delle nostre pagine) e fare link building chiedendo di inserire il nostro link insieme alla menzione

Come impostare gli avvisi? Come riceverli via email?

  • accediamo a https://www.google.com/alerts e nel campo di ricerca in alto mettiamo la parola/frase che vogliamo monitorare, nell'immagine in alto ho inserito per esempio "Elon Musk"
  • il passo successivo è quello di cliccare su "create alert" o "crea avviso" scegliendo le opzioni sulla destra, possiamo scegliere la frequenza con cui essere aggiornati, le fonti (meglio mettere automatic), la lingua della fonte, l'area geografica della fonte e la quantità di risultati (i migliori o tutti)
  • l'ultima opzione è la casella di posta sulla quale ricevere l'email con gli avvisi di aggiornamento. In questo caso se siamo già loggati con un account di google verrà prepopolato con l'email relativa altrimenti all'inizio dovremo inserire la casella di posta.
google alerts opzioni

Avvisi con ricerche avanzate

Come si può intuire la sintassi con cui inseriamo la parola per l'avviso è la stessa del motore di ricerca e quindi possiamo anche sfruttare tutte le ricerche avanzate.

Quindi per conoscere le novità del sito www.hbr.org inseriremo come avviso la dicitura: "site:www.hbr.org".

Se vogliamo creare avvisi per tutti gli articoli di recensioni che citano il nostro brand (per esempio Tesla) potremo inserire quanto segue: tesla intitle:recensioni, dove il comando intitle ci consente di prendere tutti i contenuti che hanno nel titolo la keyword: recensioni.

Possiamo fare la combinazione con il comando site:, per esempio se vogliamo intercettare le domande su quora.com relative ai nostri prodotti (es. bici bianchi)? Mettiamo il seguente avviso: "bici bianchi" site:www.quora.com


Altri articoli correlati:

Guida al digital marketing, canali owned, earned, rented e paid

Guida completa al Display advertising: i formati, i canali, le modalità d'acquisto, le evoluzioni e le avvertenze

Come utilizzare il video nella strategia di marketing

Il modello strategico della Value Network (rete del valore) vs il modello della Value Chain (catena del valore)

La strategia pull vs push: sei contadino o cacciatore?

Cos'è il Digital Marketing? Come funziona ed i principali strumenti

Come fare le analisi di marketing e content marketing utilizzando Google Trends

Come analizzare le menzioni ed il sentiment in rete con Google Alerts

Come non perdere nemmeno un'idea con gli appunti di Google Keep

Cos'è e come massimizzare la User Experience dei clienti

L'ecommerce del cibo: il ristorante online, il cloud kitchen ed i prodotti di largo consumo

Come fare un test di usabilità per migliorare le nostre proprietà digitali

Lo strumento fondamentale per la marketing intelligence ed il content marketing

Gli strumenti per analizzare le keyword di Google